E’ da qualche giorno che il mio segnale GPS è fermo nello stesso punto. Non sono disperso lungo gli appennini o caduto in buco nero spazio-temporale, purtroppo un imprevisto ha bloccato il mio cammino, ma solo temporaneamente.

Giorno 98, sarà una giornata che non scorderò facilmente. E’ sabato - 29 maggio - e ormai come da consuetudine di questo viaggio, si pesta ancora neve. Sono sul Monte Prado, e mentre mi accingo ad affrontare dei passaggi lungo un sentiero in cui si vedevano evidenti distacchi di neve, all’improvviso sento un forte rumore.Il tempo di capire cosa stesse succedendo e rimango travolto da una “piccola” slavina che si è staccata circa 50 metri sopra di me. Sono un po’ scombussolato e ci metto qualche secondo a capire cosa sia successo. Per fortuna un braccio e la testa sono rimasti liberi di muoversi, mi guardo attorno, riesco a respirare e così cerco di calmarmi per capire come uscire da questa situazione. Con piccoli movimenti inizio a scavare cercando di liberare il secondo braccio, cosa che mi avrebbe aiutato a togliermi lo zaino che ora era intrappolato insieme al resto del corpo sotto la neve come se fosse un'ancora che cercasse di trattenermi immobile sotto il manto nevoso. Dopo vari sforzi riesco a liberare il braccio e a sfilarmi lo zaino, e così  riesco a raggiungere il mio localizzatore GPS di emergenza - SPOT - ed invio il segnale di SOS con richiesta di soccorso. Cerco il telefono, ma è disperso nella neve. Riesco però a recuperare un bastoncino con il quale piano piano rompo i blocchi di neve che mi schiacciano le gambe contro un albero. Con tanta pazienza e un pezzo alla volta, dopo più di un’ora, riesco a liberare gli arti inferiori. E’ stato un gran sollievo, e mentre aspetto l’arrivo dei soccorsi mi infilo nel sacco a pelo cercando di riscaldare la parti del corpo che avevano preso più freddo.  Finalmente sento il rumore inconfondibile del Drago dei Vigili del Fuoco che, grazie alle coordinate GPS inviate dal mio localizzatore, riescono a raggiungermi e a portarmi in ospedale per fare degli accertamenti.

Sto bene, il morale è alto anche grazie a tutti i messaggi che ho ricevuto. Ho due costole rotte e varie contusioni, non voglio fare previsioni sul futuro, ma penso solo a guarire e a rimettermi in piedi il prima possibile.

 

A presto, Elia

  • slide
  • slide

Ultimi scritti dal Sentiero Italia



13Set 2021

SETTIMANA 24

Freschino, buio, mi alzo a fatica. Salgo per la Val Sissone, ambiente bellissimo col Disgrazia davanti. Inizio la risali ...

06Set 2021

SETTIMANA 23

Parto dal bel colle di san Maffeo dopo una buona colazione, anche oggi sono spettatore di una fantastica alba. Arrivato ...

30Ago 2021

SETTIMANA 22

Mi sveglio come mi ero addormentato: con il suono della fontana del lavatoio nelle orecchie. Mi sveglio con lo spirito f ...

23Ago 2021

SETTIMANA 21

Sveglia alle 6, colazione all’alba insieme a Beppe (Guida Alpina che deve accompagnare in giornata un cliente sul “Dente ...

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Comment

Name

Email

Url


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.