Finalmente sono in Sardegna, sono le 20.00 di domenica 7 febbraio e a Santa Teresa di Gallura è buio e soffia il vento. Mi concedo un ultimo vizio, una birra  - rigorosamente Ichnusa - ai piedi della Torre Longosardo mentre con lo sguardo scruto alla ricerca di un buon posto per dormire riparato dal vento.

Decido di non montare la tenda, convinto che riparandomi dal vento sarei riuscito a dormire tranquillo fino al mattino, ma alle 3.00 a.m vengo svegliato bruscamente dalla pioggia. Raccolgo le mie cose velocemente e mi incammino verso la piazzetta di Santa Teresa dove trovo un riparo. Dormicchio fino alle 6.00 a.m., il vento è forte, preparo lo zaino e mi dirigo alla statua della Madonna del Mare. Qui le acque abbracciano questa punta di terra con il suono fragoroso delle onde che s'infrangono sugli scogli, sento il profumo della macchia mediterranea portato dal vento e sono pronto per partire. 

Attraverso il paese che lentamente si sta svegliando lasciandomi alle spalle la chiesetta del buon cammino ed inizio i primi passi lungo il Sentiero Italia che in questa prima parte si si alterna tra strade asfaltate, sterrate e sentieri fino a Camporotondo.

Sono circa le 15.30, ci sono ancora alcune ore di luce per camminare, ma la fatica della partenza e della notte quasi in bianco si fanno sentire e così decido di fermarmi al santuario della Madonna delle Grazie per la notte. Scaldo dell’acqua per un thé mentre sfrutto gli ultimi raggi del sole per ri-caricare un po’ le varie attrezzature elettroniche. Il vento continua incessantemente a soffiare, ma grazie alle mura del Santuario sono ben riparato  e riesco a cucinare tranquillamente la cena per poi finalmente riposare. 

La Sardegna è una terra accogliente, affascinante e ricca di incredibili sfaccettature. Durante questa prima settimana ho avuto la fortuna di incontrare diverse persone che mi hanno aiutato e incoraggiato, offrendomi caffè, pasti e posti riparati per dormire. Per poter proseguire lungo il sentiero italia, mi sono trovato a “ravanare” utilizzando l'antica abilità di districarsi tra i rovi, a scavalcar cancelli - nulla di illegale eh - elevati da alcuni proprietari per evitare invasioni nei loro terreni, riempirmi di frittelle come non ci fosse un domani, passare attraverso splendide sugherete, scoprire incredibili siti archeologici, scolare varie birre Ichnusa, osservare enormi grotte naturali, guadare fiumi in mutande, imprecare contro le cartine e la segnaletica discordante, ma riempiendomi ogni giorno di incredibili emozioni, panorami, albe, tramonti e imprevedibili incontri. 

Di seguito le mie tappe :

GIORNO 1:

Santa Teresa di Gallura - Camporotondo

30 KM, 7 h, 1055 mD+

GIORNO 4:

San Tommaso - Stazzo Lu Rustu

34 KM, 7 h  20’, 1660mD+

 

GIORNO 2:

Camporotondo - San Biagio (S. Stefano di Gallura)      

30 KM, 6 h  40’, 1120mD+

 

GIORNO 5:

32km, 7h, 1075 D+

Stazzo Lu Rustu - Cas. Forestale Bolustiu

 

GIORNO 3:

San Biagio - San Tommaso (Calangianus)

29 KM, 6 h  10’, 980mD+

 

GIORNO 6:

Caserma Forestale Bolustiu - Caserma Forestale Gianni Stuppa

40 km, 9h 30’, 1450 D+ 

 

 

Ogni giorno riesco a coprire circa 30-40km in base alla meteo, imprevisti, dislivello da affrontare e incontri vari lungo la strada. Mi sono imposto di cercare di velocizzare il tempo per anticipare la mia partenza al  al mattino: ora ci metto circa 1h e 30’ per fare la colazione, preparare lo zaino e mettermi in cammino. L’obiettivo è  arrivare ad un sola ora di preparativi, così da guadagnare un pò di tempo ogni giorno visto che le giornate sono ancora abbastanza corte.

Alle 7 del mattino cerco di avere lo zaino in spalla ed essere pronto a partire, anche se non ha ancora albeggiato, c’è già abbastanza luce per potersi muovere senza l’ausilio della lampada frontale. Cammino per qualche ora e poi mi concedo una breve pausa dove mangio qualcosina, per poi ripartire e fermarmi per pranzo: sono uno chef stellato con il forneletto in mano! 

Il sole tramonta verso le 17.40, quindi la tratta di cammino pomeridiana si svolge in funzione alle possibilità di sosta per il pernotto. Preferisco trovare un posto per dormire quando ancora c’è luce così da potermi organizzare al meglio. Il quarto giorno, ho avuto la fortuna di fare una bella doccia  con la canna dell'acqua:  un bel toccasana che mi ha decisamente rinvigorito. Sento qualche dolorino muscolare, ma è il corpo che piano piano si sta adattando a questa nuova vita in cui tutte le mie necessità sono racchiuse all’interno di uno zaino da circa 15kg! 

La mia marcia verso Villasimius, dove ad aspettarmi ci sarà la mia barca per la traversata verso la Sicilia, procede regolare e prevedo di arrivarci nei primi giorni di marzo. Ieri - domenica 14 febbraio n.d.r. - è stata una giornata dura,  purtroppo il Sentiero Italia in questa parte è ancora in fase di pulitura e sistemazione e quindi ho passato l’intero giorno alla ricerca di sentieri pressoché inesistenti. Da oggi passo dalla provincia di Sassari a quella di Nuoro. 

Stay tuned e a lunedì prossimo!

  • slide
  • slide
  • slide
  • slide
  • slide
  • slide
  • slide
  • slide
  • slide
  • slide
  • slide
  • slide
  • slide
  • slide
  • slide
  • slide
  • slide
  • slide
  • slide
  • slide
  • slide
  • slide
  • slide
  • slide
  • slide
  • slide
  • slide
  • slide
  • slide
  • slide
  • slide
  • slide
  • slide
  • slide
  • slide
  • slide
  • slide
  • slide
  • slide

Ultimi scritti dal Sentiero Italia



13Set 2021

SETTIMANA 24

Freschino, buio, mi alzo a fatica. Salgo per la Val Sissone, ambiente bellissimo col Disgrazia davanti. Inizio la risali ...

06Set 2021

SETTIMANA 23

Parto dal bel colle di san Maffeo dopo una buona colazione, anche oggi sono spettatore di una fantastica alba. Arrivato ...

30Ago 2021

SETTIMANA 22

Mi sveglio come mi ero addormentato: con il suono della fontana del lavatoio nelle orecchie. Mi sveglio con lo spirito f ...

23Ago 2021

SETTIMANA 21

Sveglia alle 6, colazione all’alba insieme a Beppe (Guida Alpina che deve accompagnare in giornata un cliente sul “Dente ...

5 comments

profile

Cinzia Febbraio 15, 2021

Grande Elia !!!😘

profile

Luciano Brandimarti Febbraio 17, 2021

Auguri e Buona "Montagna" da Luciano.

profile

Josephine Febbraio 18, 2021

Hi Elia, Very excited to follow your adventure. 'In every walk with nature one receives far more than he seeks.' Hi from the Netherlands

    profile

    Elia Origoni Febbraio 19, 2021

    Hi Josephine!!! One question...where are you find my Adventure? Thanks a lot!!!

      profile

      Josephine Febbraio 23, 2021

      Hi Elia, you came up in my google news feed last week, although I can't remember which news site it was that mentioned you. I visited Sardinia last year and am very fond of hiking myself, so I was instantly excited by your story. Hope the wind will be a little kinder to you the coming weeks. Cheers

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Comment

Name

Email

Url


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.